Le stanze di Gabriele Amadori

Sala mostre, dal 18 maggio al 2 giugno. Ingresso libero

Nato a Ferrara, Gabriele Amadori ha mantenuto per tutta la vita forti legami con la città e la sua comunità artistica. La mostra è composta da tele di grandi dimensioni realizzate da Amadori nel corso di concerti live con famosi musicisti contemporanei. Fin dal primo incontro con Demetrio Stratos e grazie alla sua affine ricerca di “cantare la voce per vedere il suono”, Amadori ha infatti voluto rappresentare sulle sue tele questa sinestesia. Ma è durante le innumerevoli performance, presentate dalla seconda metà dagli anni ’70, che l’artista riesce ad indagare in profondità la reciprocità tra immagine e suono, dando vita a dipinti di largo formato seguendo o dettando il ritmo di uno o più musicisti accanto a lui. Nelle sue “music action painting” Amadori converte le astrazioni musicali in materia, movimento, colore cangiante, strato su strato, realizzando un’esperienza che a molti sembrerebbe impossibile: la trasformazione apparentemente “spontanea” della tela sotto le pennellate che diventano movimento, le ondate melodiche accompagnate dai suoi gesti che danno forma ai sogni.

2019, Arte, Mostre

Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara
Via Cairoli, 13 - 44121 Ferrara | tel. 0532/205091 fax. 0532/210362 | email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.fondazionecarife.it
Codice Fiscale 00112530381 | Informativa sulla privacy | Cookie policy